Homepage

La Società

Il 21 ottobre 2005 si è costituita la Società Italiana di Riabilitazione di Alta Specializzazione - SIRAS, con lo scopo di promuovere programmi ed iniziative di carattere culturale, scientifico e sociale propri della Medicina Riabilitativa di Alta Specializzazione.

 

XI CONGRESSO NAZIONALE SIRAS

Pavia, 28 giugno 2019

Istituti Clinici Scientifici Maugeri

Per scaricare il Programma del Congresso cliccare sull'immagine:

Per ulteriori informazioni consultare il sito web del Convegno www.aristea.com/siras2019

Le cure correlate, a fronte delle diagnosi ICD e ICF dello stato di salute, cioè di malattia e di disabilità e dell’esito atteso, sono costituite dalle diverse prestazioni sanitarie di ciascun percorso di cura organizzate nel PDTA personalizzato. Esse sono fondate:
A. sulla compatibilità e la sinergia tra le terapie per patologia/disabilità
assicurate con differenti tipologie di prestazioni, e cioè le prestazioni:
• FARMACOLOGICHE,
• INTERVENTISTICHE,
• DISPOSITIVI, PROTESI, ORTESI, APPARECCHI e AUSILI,
• PLASTICO-FUNZIONALI (esercizi psico-cognitivi e fisici terapeutici);
B. sulla riconciliazione, nel caso di multi-patologie, delle diverse e specifiche terapie consigliate, cioè i protocolli di percorso derivanti dalle evidenze di cui alla precedente lettera A, in funzione della diagnosi principale (quoad vitam e quoad valetudinem) e delle diagnosi secondarie. Le medicine specialistiche riabilitative delle cure correlate consistono nella sistematica applicazione di un insieme di prestazioni sanitarie diverse e integrate in analogia alla metodologia prevista per la terapia farmacologica dalla Raccomandazione 17/14 del Ministero della Salute. Le terapie, con le relative prestazioni, devono essere combinate nel percorso di cura in modo efficace ed evitando errori in funzione del recupero dell’equilibrio fisico, psichico e funzionale compromesso a seguito di una malattia grave o di un trauma, utilizzando la grande massa sia dei dati tecnico-sanitari derivati dalla letteratura scientifica (linee guida, algoritmi, procedure di riconciliazione, avvertenze sugli effetti collaterali, ecc.) sia dei dati diagnostici del paziente mano a mano resisi disponibili che dovrebbero essere rilevati e annotati nel fascicolo elettronico del paziente stesso. Questo obiettivo è oggi perseguibile sistematicamente grazie al digitale, frutto della scienza dell’informazione e delle relative tecnologie e tecniche.


Vi aspettiamo a Pavia!